Home       Chi siamo       Artisti        Audizioni       Contatti



Italiano

English

Paolo Ingrasciotta

Baritono

Paolo Ingrasciotta, allievo dell’Accademia di Perfezionamento del Teatro alla Scala, primo premio al Concorso Giacinto Prandelli, miglior voce da baritono emergente al Gran Prix dell’opera al Regio di Parma e vincitore, nel 2013, del Concorso Internazionale Toti Dal Monte, ha iniziato giovanissimo lo studio del canto e si perfeziona a Imola sotto la guida del soprano G. Brienza e successivamente al Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia.


Nel 2013 frequenta l’Accademia del Rossini Opera Festival di Pesaro, debuttando come Trombonok in Viaggio a Reims

Negli anni accademici 2016/17 e 2017/18 frequenta l’Accademia della Scala di Milano, partecipando in Scala alle produzioni di Cenerentola (Don Magnifico), Don Carlo con la regia di P. Stein e la direzione del Maestro Chung, Hänsel und Gretel (Peter) con la direzione di H. J. Albrecht e la regia di S. E. Bechtolf e Il barbiere di Siviglia (Figaro/Don Bartolo). 

In collaborazione con l’Accademia della Scala debutta inoltre come Guglielmo in Così fan tutte al Teatro Carlo Felice di Genova con la regia di E. Scola e la direzione di J. Webb. Inoltre nel 2017/18 annovera il debutto come Slook ne La cambiale di matrimonio al Teatro Olimpico di Vicenza con la direzione di G.B. Rigon e la regia di M. Gandini.  

Apre la stagione 2018/19 alla Scala di Milano come Ali Babà nell’opera omonima di Cherubini con la direzione di P. Carignani e la regia di L. Cavani e debutta come Ford in Falstaff con “Opera Lombardia”. 

Tra gli altri ruoli debuttati ricordiamo: Belcore ne L’elisir d’amore (Opera Pocket - AsLiCo), Malatesta in Don Pasquale (Brescia), Dandini ne La Cenerentola (Venezia e Treviso), Max in Betly (Bergamo Musica Festival), Schaunard ne La Bohème (Aslico e Reggio Emilia, regia di L. Muscato e direzione G.P. Bisanti), Carmina Burana di Orff (Piccolo Festival del Friuli Venezia Giulia), Procolo ne Le convenienze ed inconvenienze teatrali (regia di P. E. Rousseau e direzione di F. Trinca al Teatro Comunale  di Treviso), Colas in Bastiano e Bastiana (Imola), Germano ne La Scala di Seta (coproduzione Teatro La Fenice/Conservatorio Benedetto Marcello), protagonista nel Gioco del vento e della luna di L. Mosca in prima esecuzione assoluta (Venezia e Treviso), Pepito di Offenbach (Orchestra da camera Milano Classica a Milano), Gaudenzio ne Il signor bruschino (Teatro Olimpico di Vicenza, regia di B. Morassi e direzione di G. Rigon), San Giuseppe da Copertino nella prima esecuzione mondiale dell'opera contemporanea Il ritorno dei Chironomidi di G. Mancuso (Teatro Malibran di Venezia, regia di F. Bellotto), Petite Messe Solenelle di Rossini (Teatro Olimpico di Vicenza), Demetryus in Midsummer night's dream (Opera Lombardia).



E’ sogno o realtà

Largo al factotum

Donna mie, la fate a tanti